Togliere gli psicofarmaci dopo 14 anni di assunzione.

L’articolo parla di una ragazza che è riuscita a dismettere un gran numero di psicofarmaci dopo 14 anni di assunzione.
Spiega che all’inizio aveva cominciato con Prozac per una depressione e al tentativo di dismetterlo ha avuto i classici sintomi da dismissione, compreso il pensiero di suicidarsi.

La ragazza spiega che questi sintomi spesso non vengono considerati come la conseguenza del trattamento farmacologico, ma vengono visti come un acutizzarsi dei sintomi psicotici che avevano fatto intraprendere l’uso di psicofarmaci e quindi trattati con altri psicofarmaci.
L’autore del blog spiega come sia importante, per uscirne, pensare che non è il cervello che non funziona come dovrebbe, ma riconoscere l’effetto iatrogeno (cioè causato dal farmaco) nei sintomi psicotici.

La dismissione deve essere lenta e graduale, sotto controllo di un medico esperto ed accompagnata da una psicoterapia per risolvere i problemi che avevano portato al disagio iniziale.

Fonte autore e articolo originale: VAI ALL’ARTICOLO

AVVISO PER IL LETTORE: tutti gli articoli presenti su questo sito, non vengono realizzati da alcun nostro autore (ad eccezione degli articoli sotto la categoria “storytelling”. Ci limitiamo nel riportare su questo sito, materiale informativo reperito in rete citando la fonte di provenienza. Avvisiamo quindi il lettore nel valutare con distacco le informazioni qui reperibili in quanto non possiamo garantire la veridicità delle informazioni riguardo le fonti di provenienza.

Lascia un commento