I sintomi psicotici come le allucinazioni e le illusioni, hanno molto spesso origine da sentimenti di umiliazione.

Dal libro “La sospensione degli psicofarmaci“, di Peter Breggin.

Allucinazioni, illusioni e altre esperienze psicotiche sono reazioni al sentirsi
completamente alienato dagli altri esseri umani. La radice emotiva è quasi sempre una grave umiliazione a causa della quale l’individuo si sente totalmente inutile e quasi inesistente.

La psicosi è guidata da terribili emozioni associate a traumi e disperazione in relazione ad altri esseri umani. L’individuo ferito si ritira in un incubo privato. Le fantasie sostituiscono i rapporti della vita reale.

Gli individui immersi nella psicosi possono spesso provare sollievo nel giro di pochi minuti relazionandosi con qualcuno che li prende sul serio ed è abile nella creazione di rapporti onesti e fiduciosi.

Il terrore della persona e l’umiliazione devono essere presi seriamente e non minimizzati e i sentimenti di pericolo devono essere considerati emotivamente reali.

Più il terapeuta appare a suo agio in presenza del paziente con sintomi psicotici e accoglie le comunicazioni apparentemente bizzarre e scandalose, più il paziente sarà quasi sempre meno spaventato e più fiducioso e i sintomi tenderanno a placarsi davanti agli occhi del terapeuta.

Naturalmente, questi sintomi molto probabilmente si ripeteranno, forse anche durante la seduta, ma il paziente avrà cominciato a imparare a superarli relazionandosi con voi.

Con il nostro atteggiamento e con le nostre parole stiamo comunicando alla persona altamente disturbata:

“Resisti con me. Siediti con me per un po’.
Saremo in grado di capire tutto questo e di andare oltre, verso un posto migliore”.

L’obiettivo “posto migliore” è fondamentale. Gli individui che sono diventati psicotici hanno lasciato una realtà a cui non vogliono tornare.
Aiutateli a vedere che possono cercare e creare un modo di vivere migliore.

Le persone che hanno episodi definiti come “schizofrenici” sono quasi sempre in lotta con crisi spirituali (Breggin 1991).
Se le incoraggiate a parlare e a cercare il significato delle allucinazioni e dei deliri, troverete anime molto sensibili e auto-consapevoli che lottano con ciò che appare loro un buco nero spirituale privo di ragione, amore, cura e giustizia.

In realtà, è la forza della loro immaginazione e della loro creatività ferita che li fa apparire “pazzi” piuttosto che semplicemente depressi, ansiosi o ossessivo-compulsivi.

La psicosi è come una poesia spezzata: un ultimo luogo metaforico dell’anima flagellata in isolamento e umiliazione.

Queste persone desiderano qualcuno che le prenda seriamente ed esplori i loro pensieri e le loro emozioni, a volte contorti, senza umiliarli con diagnosi e senza dir loro che non possono gestire la loro vita senza psicofarmaci.

AVVISO PER IL LETTORE: tutti gli articoli presenti su questo sito, non vengono realizzati da alcun nostro autore (ad eccezione degli articoli sotto la categoria “storytelling”. Ci limitiamo nel riportare su questo sito, materiale informativo reperito in rete citando la fonte di provenienza. Avvisiamo quindi il lettore nel valutare con distacco le informazioni qui reperibili in quanto non possiamo garantire la veridicità delle informazioni riguardo le fonti di provenienza.

Lascia un commento